back to home Eidgenössische
Koordinationskommission
für Arbeitssicherheit EKAS
back to home
DE FR IT
Letzte Änderung: 20.10.2020
DE FR IT

Messa in posa e integrazione di attrezzature di lavoro

Art. 32a al.1 OPI
Direttiva CFSL 6512 „Attrezzature di lavoro“, punto 5.2

Le attrezzature di lavoro (più info) devono essere messe in posa in modo che tutti possano avere accesso alle stesse in condizioni di sicurezza. In questi luoghi deve essere possibile sostare alcun pericolo. È fondamentale che i lavoratori non siano esposti a pericoli derivanti dalle parti mobili delle attrezzature di lavoro o da altre parti di altre attrezzature presenti nell’ambiente in cui sostano i dipendenti.

Se nel manuale d’uso non sono indicate delle distanze minime tra le parti in movimento delle attrezzature di lavoro e le componenti fisse o mobili dell’ambiente di lavoro, bisogna rispettare le distanze di sicurezza indicate nelle relative norme (più info), (vedi complemento). Tuttavia, oltre a rispettare le distanze di sicurezza minime è necessario tener conto anche dei principi ergonomici (più info).

Per quanto concerne la messa in posa e l'integrazione valgono particolari disposizioni, segnatamente:

  • requisiti per il basamento o il dispositivo di sostegno (più info)
  • misure per attenuare la trasmissione di vibrazioni (più info)
  • misure per ridurre la generazione e la propagazione del rumore (più info)
  • misure per dissipare le emissioni nocive (gas, vapori, fumi, polveri, ecc.) (più info)
  • allacciamento dei vettori energetici d’alimentazione
  • requisiti per gli utensili in dotazione
  • uso di attrezzature di protezione individuale (più info)
  • formazione speciale degli utilizzatori (più info)
  • requisiti speciali per gli utilizzatori (più info)

In relazione all'integrazione delle attrezzature di lavoro nell'ambiente di lavoro possono esistere requisiti concernenti, ad esempio:

  • accessi, passaggi (più info), vie di fuga (più info)
  • lposti di lavoro e luoghi dove si lavora (in esercizio normale, in esercizio particolare e durante la manutenzione) (più info)
  • alimentazione con materiale alle attrezzature di lavoro (materiale da lavorare ad esempio pezzi grezzi, prodotti finiti ecc.) oppure delle attrezzature di lavoro al materiale (PrincipioAccessibilità)
  • uscita di materiale dalle attrezzature di lavoro (materiale da lavorare ad esempio pezzi grezzi, prodotti finiti ecc.) oppure delle attrezzature di lavoro al materiale (PrincipioAccessibilità
  • interfacce con altre attrezzature di lavoro (ad es. macchine di produzione, apparecchi di sollevamento, trasportatori, robot industriali, ecc.) ((PrincipioAccessibilità)
  • illuminazione del posto di lavoro (più info)
  • climatizzazione del posto di lavoro (aria, temperatura, ecc.) (più info)
  • stoccaggio e uso di sostanze pericolose nella zona di lavoro (più info)

Nel caso di attrezzature fisse, dopo l’installazione bisogna verificare il corretto funzionamento dei dispositivi di protezione , come barriere immateriali, barriere di sicurezza a cortina, barre sensibili, tappeti sensibili, comandi a due mani, ripari mobili, protezioni e barriere come dispositivi di arresto d’emergenza (più info). Dopo una riparazione, bisogna verificare quali conseguenze la riparazione ha sul funzionamento dei dispositivi di protezione.

Per ulteriori informazioni vedi complemento.

Complemento: Utilizzazione conforme
Zurück zum Anfang